Hospiz Bad Salzungen

From the blog

Isabel Green, una abile star di Hollywood, ha appena vinto il somma Oscar come “miglior attrice protagonista”.

Isabel Green, una abile star di Hollywood, ha appena vinto il somma Oscar come “miglior attrice protagonista”.

E sul impalcatura del Dolby Theater, mediante durante lato la statuetta che sognava fin da qualora epoca bambina. Dovrebbe capitare al apogeo della piacere, tuttavia all’interno di lei un po‘ di soldi non va.

Quando all’esterno caccia di mascherare fingendo commozione e imbarazzo, dentro di lei un mulinello di pensieri la apertura separato, con una peso solitaria mediante cui le riflessioni sulla propria attivita si mescolano al tentativo di far volto alla momento nuovo, mediante un acutizzazione tragicomico che la entrata a infastidire qualsiasi tradizione sui “discorsi d’accettazione” e verso appoggiare in colloquio i cardini della sua stessa arco vitale.

Note di allestimento

Qualora non vi foste gia imbattuti nel libricino del sapiente coreano Byung-Chul Han, “La associazione della stanchezza”, andate verso procurarvelo: pochi euro, molta appagamento. Han descrive la nostra mezzo la “societa della stanchezza”. Non esiste piu lo scontro-confronto con possessore e operai, non c’e il pericoloso da avvilire, la fermento da bramare. Principale di lavoro e impiegato coincidono: siamo noi stessi. Noi ci imponiamo ritmi lavorativi ed esistenziali degni del peggior modello fordista, noi siamo al contempo schiavi e schiavisti. Per eterna “prestazione”, il tempo, insieme il periodo, diventa “produttivo”, una legame perversa perche pare inarrestabile. La seguito consueto siti web indГ№ di un siffatto condizione di cose e una affaticamento straordinario, irragionevole, conforme alla dipartita.

Vedete dunque tagliare nuove malattie quali la sintomi del burn-out. Depressi ovvero isterici, malgrado cio spossati e sfiniti. Da queste premesse e nato Isabel Green.

Volevo trovare un sistema durante inveire di presente tilt epocale. Farlo con mancanza di serieta e derisione, sinceramente (non serve certo accludere altra “pesantezza”).

Ho raccolto Emanuele Aldrovandi, ho condiviso con lui il idea di Han e altre considerazioni in quanto vi denaro, in non dilungarmi abbondantemente. Vi basti intendersi in quanto dai nostri incontri, numerosi, dalle nostre riunioni, turbolente, dal nostro paragone, stretto, e uscito presente bambino costoso scritto.

Pilar mi e parsa immediatamente l’attrice perfetta in Isabel. L’ho invito e lei ha risposto con abile foga: “E’ vent’anni affinche lavoriamo assieme, Sere, e non abbiamo adesso niente affatto condiviso un soliloquio. Periodo adesso, cavolo!”.

Isabel e una eccezionale star di Hollywood. Bella, famosa, ricca e ugualmente brava. Isabel ha atteso l’Oscar a lungo, appena Di Caprio, e finalmente, modo Di Caprio, lo ottiene mediante “Life of Mother Theresa”. Un illusione cosicche si realizza, la alquanto scalo offerta. Subito puo sbraitare di fronte a milioni di persone. Mediante tocco, la statuetta d’oro dell’Oscar. Eppure esso affinche dira non sara per niente colui cosicche ci aspettiamo. Magro all’ultimo, prima, ed poi l’ultimo attimo del enunciato, Isabel ci sorprendera e flemmaticamente, con una sghignazzata e una goccia, scivoleremo, circa escludendo accorgercene, intimamente il esagerazione delle nostre stesse vite. Quel assurdita affinche percio adeguatamente descrive Han.

Il testo coglie i punti critici pero li tiene a giusta distanza, la organizzazione li compone per mezzo di attenzione con un disegno pulito sulla quadro disegnata da Maria Spazzi che una abbondante astro nera accartocciata, il avanzo lo fa Maria Pilar Perez Aspa, con una delle sue migliori prove: per un ardente costume amaranto, lontano e interiormente il corso di coscienza, l’invettiva e la dichiarazione pubblica, imbarazzi comici e punte di forza drammatica, mediante un’adesione proprio emozionante al protagonista di questa domestica spezzata dall’eccesso di esigenza verso nel caso che stessa

Sara Chiappori, la Repubblica

Nelle sue note di allestimento Serena Sinigaglia definisce Maria Pilar l’attrice perfetta per Isabel e quanto controllo per soggiorno Bausch ne e la prova. Si ride, si gioca sul baratto di vocabolario, sulle imprecazioni sopra ispanico e sugli scatti di ira della star, pero quello perche viene al di la con il proseguimento del documento e una cameriera cosicche commuove durante la sua dolore d?animo

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.